I venerdì della cultura – Dante a Treviso – 5 febbraio 2021, ore 18:00 – in streming su Facebook

Paolo Ruffilli, scrittore e poeta, sarà l’ospite del prossimo appuntamento con i Venerdì della cultura.

 

Il tema della serata sarà: “Dante a Treviso”.

 

Nel pieno rispetto delle disposizioni di contenimento del Covid, la conferenza sarà in diretta streaming, collegandosi alla pagina Facebook della Fondazione Cassamarca e sarà possibile poi rivederla sul canale YouTube di Fondazione Cassamarca accedendo direttamente dal sito: www.fondazionecassamarca.it.

 

L’appuntamento è alle ore 18.00.

Il progetto è sostenuto dalla società Carlo Alberto Srl.

 

*****

 

Sono 3 le ragioni che attirano Dante a Treviso (in più di un’occasione e almeno per un lungo soggiorno): 1) La signoria di parte guelfa e l’ospitalità generosa di Gherardo da Camino (in città c’è una delle più grandi comunità di esuli fiorentini; 2) L’elezione a papa dopo Bonifacio VIII del trevigiano Nicolò Bocassino col nome di Benedetto XI dal quale, attraverso la sua città natale, il poeta spera di ottenere un appoggio per il perdono della sua condanna a Firenze; 3) La presenza recente e continuativa nella Marca di un nutrito numero di poeti della diaspora trobadorica e, tra l’altro, la presenza del trovatore Uc de Saint Circ biografo di Bertrand de Ventadorn, il capostipite o comunque uno dei principali artefici della poesia cortese.

Tutta la Marca è la principale area di affermazione della cultura cavalleresca e cortese, prestigioso centro culturale, “scriptorium” nelle tre lingue d’Oc, del Sì e dell’Oil, continuando una tradizione che comprende anche gli ultimi trovatori come Ferrarino, presente alla corte di Gherardo. E non a caso il primogenito, Pietro di Dante, poeta e curatore dell’opera paterna, dopo aver accompagnato il padre sceglie Treviso come città in cui vivere e dove è morto ed è sepolto.

 

 

Paolo Ruffilli

Paolo Ruffilli è nato nel 1949. Ha pubblicato di poesia: Piccola colazione (Garzanti, 1987), Diario di Normandia(Amadeus, 1990), Camera oscura (Garzanti, 1992), Nuvole (con foto di F. Roiter; Vianello Libri, 1995), La gioia e il lutto(Marsilio, 2001), Le stanze del cielo (Marsilio, 2008), Affari di cuore (Einaudi, 2011), Natura morta (Nino Aragno Editore, 2012), Variazioni sul tema (Aragno, 2014), Le cose del mondo (Mondadori, 2020). Di narrativa: Preparativi per la partenza (Marsilio, 2003); Un’altra vita (Fazi, 2010); L’isola e il sogno (Fazi, 2011). Di saggistica: Vita di Ippolito Nievo (Camunia, 1991), Vita amori e meraviglie del signor Carlo Goldoni (Camunia, 1993); oltre a numerose curatele di classici italiani e inglesi.

Ha tradotto: R. Tagore, Gitanjali (San Paolo, 1993), La Musa Celeste: un secolo di poesia inglese da Shakespeare a Milton (San Paolo, 1999), La Regola Celeste – Il libro del Tao (Rizzoli, 2004), Osip Emil’evič Mandel’štam, I lupi e ilrumore del tempo (Biblioteca dei Leoni, 2013), Costantino Kavafis, Il sole del pomeriggio (Biblioteca dei Leoni, 2014), Anna Achmatova, Il silenzio dell’amore (Biblioteca dei Leoni, 2014), Boris Pasternak, La notte bianca (Biblioteca dei Leoni, 2016), K. Gibran, Il Profeta (Biblioteca dei Leoni, 2017). www.paoloruffilli.it

Fondazione Cassamarca